Edizioni

L’Africa che insegna

Nel 2019 Primavera Ovale ha un’ospite speciale: il 24 marzo da Maputo (Mozambico) arriva a Cusago Irene Bellamio per raccontare in prima persona ai bambini e alle bambine italiani i sorridenti miracoli che la palla ovale sta innescando sui campi di sabbia africani.
Leggi tutto

La domenica si “semina rugby”

Domenica 24 marzo sarà giornata di torneo a Rugbiolandia, il Centro Sportivo di Cusago che RugBio ha trasformato in un cantiere permanente di sport, sostenibilità e creatività!

L’appuntamento è per le 10 del mattino in via IV novembre, pronti a giocare e tifare per tutti i giovanissimi rugbisti che arriveranno per partecipare al torneo federale “Chi semina rugby raccoglie amici”, valido per le categorie Under 6, Under 8, Under 10 e Under 12. Leggi tutto

Primavera Ovale – Comunicato stampa

24-25 marzo 2018 – Quarto Oggiaro e Cusago

PRIMAVERA OVALE: LO SPORT COLTIVA UN FUTURO SOSTENIBILE

Weekend di sport & ambiente nelle periferie con RugBio

Leggi tutto

Sport in festa

Il saluto di RugBio alla primavera nel 2018 è puntualissimo: dopo importanti iniziative preparatorie nel corso del mese di marzo, la grande festa arriva nel primissimo weekend della nuova stagione.

Sabato 24 e domenica 25 marzo l’ovest di Milano si anima di eventi speciali, dedicati anzitutto ai giovanissimi, ma naturalmente anche agli adulti che li accompagnano nelle avventure di sport sostenibile.

Anche quest’anno le iniziative hanno l’attenzione e il supporto degli enti locali, a partire dal Municipio 8 del Comune di Milano che a Quarto Oggiaro aveva già sostenuto edizioni precedenti. Ma è soprattutto Regione Lombardia a dare il suo contributo all’edizione 2018 della manifestazione di sport sostenibile per bambini, famiglie e comunità.

Open day e proposte per bambini e ragazzi

Primavera Ovale è un invito allo sport sostenibile anzitutto per gli uomini e le donne di domani.

Bambine e bambini, ragazzi e ragazze che già praticano il minirugby potranno cimentarsi in un torneo ufficiale con pari età in arrivo da varie parti d’Italia. Ma l’occasione è ancora più preziosa per chi vuole scoprire il modo più bello di fare sport: per divertirsi, conoscersi, tirare fuori risorse genuine, sperimentare attività che fanno bene alla persona e all’ambiente…

Sabato 24 marzo, ecco allora l’open day di minirugby e multisport sul campo sportivo di Quarto Oggiaro Vivibile (con ingresso da via Lessona 13). Qui RugBio tiene ogni settimana gli allenamenti dei suoi ragazzi, e qui Primavera Ovale aspetta grandi e piccini, soprattutto neofiti e curiosi.

Le attività avranno il loro clou dalle 15:30 fino a sera, con un open day a base di prove libere (di rugby e non solo), partitelle a squadre miste per conoscere nuovi amici, un ristoro per gli atleti a base di prodotti bio e a km zero…

A Quarto Oggiaro RugBio è impegnato da anni a portare lo sport a tutti: a prescindere dalle disponibilità economiche, dagli ostacoli logistici, dalle barriere sociali. Una sfida ricchissima di risultati: tra successi e difficoltà, il quartiere ha trovato nuove opportunità di sport, incontro, aggregazione.

Al sabato di Primavera Ovale sono invitati tutti: i bambini e ragazzi della zona e dell’intera metropoli, le scuole con cui RugBio spesso collabora, le associazioni che ormai hanno imparato dal minirugby sostenibile le incredibili potenzialità educative dello sport, le famiglie e i gruppi che hanno voglia di stare insieme per un giorno a vivere il verde della città.

Le opportunità per i bambini però non sono finite; anzi, c’è spazio perfino per i più piccoli! Attraverso il laboratorio “A corpo libero” RugBio propone formazione attraverso il movimento per bimbi di età prescolare: dai 2 anni in sù, ecco la formula per esplorare le proprie risorse e impostare correttamente la crescita.

Domenica in torneo

Domenica 25 marzo, l’appuntamento clou è a Rugbiolandia, ossia al Centro Sportivo di Cusago che RugBio ha trasformato in un cantiere permanente di sport, sostenibilità e creatività.

Dalle 10 del mattino, gli impianti di via IV novembre si riempiranno di giovanissimi rugbisti in arrivo da tante parti di Lombardia e d’Italia.

Il torneo federale “Chi semina rugby raccoglie amici” è valido per le categorie Under 6, Under 8, Under 10, Under 12 e Under 14. Per i bambini e le bambine di sei e sette anni d’età si tratta di una competizione di livello nazionale.

Lo spirito è per tutti lo stesso: mettercela tutta per divertirsi a raggiungere la meta.

Poi, terzo tempo con compagni e avversari: insieme a festeggiare, con cibo genuino nelle stoviglie biodegradabili.

Bambini che piantano verdure

Secondo una tradizione ormai consolidata, a Primavera Ovale i bambini e le bambine ricevono in premio una pianticella da orto.

Un regalo che arriva a chiunque partecipi alle prove sportive, perché impari presto quanto sia bello coltivare un futuro sostenibile.

Un messaggio che si rivolge agli uomini e donne di domani, ma che cambia subito – un pezzetto alla volta – la realtà in modo concreto: le verdure vengono trapiantate, e cresceranno nell’estate, nelle case delle famiglie e nei giardini delle collettività.

I primi spazi ad accoglierle sono gli orti di squadra 2018 di RugBio! A partire da quello più grande a Rugbiolandia, che fa da palestra di orticoltura per centinaia di bambini durante i camp primaverili ed estivi.

 

Formare i formatori

Da sempre attento a creare educatori consapevoli nello sport, RugBio non perde l’occasione di parlare ad allenatori ed educatori professionali, dirigenti e tecnici sportivi, genitori e adulti di riferimento.

Nel quadro di Primavera Ovale, a loro è dedicata una sessione coordinata da Christian Sarno: “Ma che adulti siamo?”

L’ipotesi iniziale di una conferenza “tradizionale” è stata sviluppata attraverso un innovativo percorso in più tappe, lanciato in vista della Primavera Ovale 2018: l’obiettivo si è allora spostato dalla focalizzazione di un tema specifico all’apertura di un ambito di collaborazione e confronto sui numerosi temi dell’adulto come educatore in ambito sportivo. E il punto di partenza è stato uno dei grandi dilemmi dell’Italia contemporanea: appunto, “Ma che adulti siamo?”

I primi incontri si sono tenuti già il 10 marzo, articolando in anticipo il programma di Primavera Ovale, con l’obiettivo di gettare le base per gruppi di lavoro scaturiti da speciali manifestazioni occasionali, ma destinti a sviluppi a lungo termine.

La consapevolezza degli adulti intorno al loro ruolo educativo è da tempo uno degli ambiti di lavoro di RugBio. Ovviamente il focus è sullo sport dei minori, inteso come esperienza a tutto tondo, che investe ogni livello dell’individuo e del gruppo nel corso della crescita.

Alessandro Acito (fondatore e presidente di RugBio) ha sviluppato in proposito la piattaforma “Ludorugby”: rivolta sia ai professionisti e appassionati dello sport, sia ai familiari e agli operatori sociali, fornisce le competenze necessarie a prendersi cura dell’intera esperienza dei giovani sportivi. Dallo sviluppo psicofisico equilibrato alle gestione di conflitto e aggressività, dalla traumatologia efficace alle abitudini alimentari bilanciate, dalle pratiche sostenibili fai da te alla mediazione culturale, dall’inclusione sociale attiva al presidio responsabile del territorio.

Una serie di occasioni in cui gli adulti possono rendersi conto delle enormi potenzialità formative dell’esperienza sportiva e – di conseguenza – delle entusiasmanti responsabilità.